Semi di girasole: proprietà e usi in cucina

Di , scritto il 12 Ottobre 2017

Come tutti i semi oleosi anche i semi di girasole sono un alimento ricchissimo di proprietà benefiche. Dovremmo trovare ogni giorno un modo per sgranocchiarne qualcuno, a colazione in aggiunta allo yogurt o ai cereali come nella crema Budwig. Oppure come snack tra gli aperitvi oppure come ingrediente in cucina, ad esempio per arricchire il sapore di pane fatto in casa e altri prodotti da forno, per rendere più nutrienti e sfiziose le insalate miste e per arricchire i primi piatti a base di pasta, riso o cereali. Come condimento è anche delizioso il pesto di semi di girasole, preparato pestando o frullando per ogni dose 50 grammi di semi di girasole, 1/2 bicchiere di olio extravergine d’oliva, una grossa manciata di basilico, 2 cucchiai di formaggio parmigiano grattugiato e, volendo, uno spicchio d’aglio.

Ma torniamo alle proprietà nutritive dei semi di girasole. Oltre carboidrati e proteine, sono ricchi di vitamine (soprattutto B1, B2, B6, B9 o acido folico, A, D e E). Inoltre contengono molti minerali, tra cui ferro e magnesio, oltre a cobalto, manganese, zinco e rame. Tra gli acidi grassi essenziali i semi di girasole vantano un buona presenza di acido linoleico (omega-6) che ha proprietà antitumorali, tiene sotto controllo il colesterolo e può prevenire gravi patologie come arteriosclerosi, cardiopatie e diabete. Infine, l’alto tasso di fibre li rende preziosi per favorire l’attività intestinale.



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2017, P.IVA 01264890052
SoloFornelli.it – Ricette di cucina facili e veloci supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009