Bio Pam Panorama: una nuova linea di gastronomia vegetale

Di , scritto il 27 Maggio 2017

Forse ne avete già sentito parlare o l’avete già individuata nel banco frigorifero del vostro supermercato PAM o di un ipermercato PANORAMA. Oppure vedete per la prima volta il logo e il packaging nell’immagine qui accanto. In ogni caso, siamo lieti di parlare sulle nostre pagine della nuova linea di gastronomia vegetale Bio Pam Panorama.

Siamo di fronte a un ventaglio di prodotti concepiti per chi ha scelto o vuole provare una dieta vegetariana o vegana, entrambe ottime per la salute fisica e il benessere mentale ed estremamente eco-friendly. La linea si declina in una grande varietà di specialità vegetariane ad altro contenuto proteico, come tofu, burger vegetali (a base ad esempio di avena, lupini o quinoa) e seitan, preparati con ingredienti biologici. Tanti secondi piatti e contorni leggeri, ma sani e ricchi di gusto che possono costituire pietanze da portare in tavola nel giro di pochi minuti. La filiera che sta a monte della produzione degli ingredienti di base è fondata su tecniche agronomiche rispettose dell’ambiente, infatti ortaggi, legumi, cereali e condimenti vengono sottoposti a severi controlli in ogni fase della lavorazione.

Cliccando sul link qui sopra potrete accedere alla pagina dedicata alla linea Bio Pam Panorama. Con un ulteriore clic sulla sezione Ricette e spuntando la tipologia “Vegetariane” si troveranno decine di ricette vegetariane, crudiste e vegane preparate con i prodotti di questa e di altre linee Pam con precise istruzioni scritte e immagini sulla preparazione, indicazione della difficoltà, tempi di preparazione, tempi di cottura e prezzo di ogni persona. Decisamente da mettere nei Preferiti!






Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2017, P.IVA 01264890052
SoloFornelli.it – Ricette di cucina facili e veloci supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009