Il basilico: come consumarlo e come conservarlo

Di , scritto il 03 Luglio 2011

Tra tutte le erbe aromatiche, il basilico è quella che più di ogni altra può essere coltivata in casa: basta acquistarne un vasetto al supermercato e curarlo sul terrazzo o sul davanzale della finestra con un minimo di buona volontà.

Ne esistono molte varietà, che si differenziano soprattutto per le dimensione delle foglie. Il basilico nano è tipico dell’Italia del Sud e ha un aroma più forte e pungente. Il più delicato è invece il basilico genovese DOP con cui si prepara il celeberrimo pesto.

Il basilico è molto amato dalle massaie perché può entrare a far parte di molte ricette veloci: dai sughi per la pasta alle insalate di pomodoro. Deve essere utilizzato con alcune accortezze: per esempio, non bisognerebbe mai tagliarlo col coltello, ma sempre spezzettarlo con le mani.

Inoltre, non tutti sanno che con la cottura del basilico si forma l’estragolo, una sostanza ritenuta cancerogena: perciò è buona regola sminuzzare le foglie fresche sulla pietanza già cotta. Oltre a evitare la cottura, non bisognerebbe mettere le foglie di basilico nelle bottiglie di conserva di pomodoro per l’inverno.

Come conservare il basilico? Le foglie staccate dalla pianta appassiscono in fretta. Però, se vengono mondate, lavate in acqua fredda e fatte asciugare rapidamente in un luogo ombroso e aerato, possono essere conservate in questa maniera: se ne dispone uno strato sul fondo di un vasetto di vetro sterilizzato (mediante bollitura per qualche minuto), si aggiunge un po’ di sale marino fino, un po’ di olio extravergine d’oliva e via altri strati simili, terminando con l’olio. Il vasetto va conservato al fresco, al riparo dalla luce.

Quanto alle proprietà del basilico, forse non tutti sanno che è un buon antisettico, in grado di contrastare le piccole cariche batteriche dei cibi. E’ inoltre un antinfiammatorio naturale, stimolante per l’appetito, eupeptico e carminativo (quindi adatto rispettivamente a chi soffre di cattiva digestione e di coliche intestinali), un ottimo rimedio per combattere insonnia e stress. Purtroppo, le foglie secche perdono gran parte di queste proprietà.



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2020, P.IVA 01264890052
SoloFornelli.it – Ricette di cucina facili e veloci supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009