Gelato fatto in casa? Perché no?

Di , scritto il 04 Settembre 2008

gelatoOrmai tutti sanno bene che, anche secondo gli esperti di alimentazione, un gelato di dimensioni medie non solo non fa male, ma può benissimo sostituire un pasto, specialmente in estate. Ovviamente, i migliori sono i gelati alla frutta, perché contengono molta acqua e vitamine; ma anche le creme, se non mangiate in quantità eccessiva sono l’equivalente di un bel piatto di pasta.

Molte famiglie hanno già acquistato o pensano di acquistare una gelatiera. E secondo me questa è un’ottima scelta: calcolando che, in fondo ormai il consumo del gelato si estende su tutto l’anno e il costo di un cono o di una vaschetta acquistati in gelateria è decisamente alto. E poi non si sa mai quanto il gelato venduto sia genuino. E allora vai con la gelatiera a frigo che, nel giro di 15-30 minuti prepara almeno mezzo chilo di gelato. Se la scelta degli ingredienti è buona il risultato sarà sublime. L’ideale è preparare il gelato e servirlo subito senza farlo passare dal congelatore.

Una gelatiera è in pratica un vero frigorifero (ma con gas ecologico!) che mescola gli ingredienti, monta e raffredda l’impasto. Se la famiglia è numerosa o si devono ricevere ospiti, meglio scegliere un modello con il funzionamento continuo, in modo da conservare abbastanza a lungo il gelato nella vaschetta fino al momento di servirlo. Inoltre bisognerebbe controllare che pale e cestelli siano facilmente estraibili, in modo da poterli lavare anche in lavastoviglie.

Un consiglio che mi sento di dare è di non lesinare troppo sulla spesa per l’apparecchio: sicuramente un apparecchio dal costo troppo basso non garantirà grandi prestazioni. E chi vuole avere un gelato acquoso oppure troppo ghiacciato? Non sia mai! La differenza nel costo sarà ben presto ammortizzata con il risparmio ottenuto realizzando i gelati in casa che, secondo le stime, costano circa 1/6 di quelli acquistati fuori (escluso però il costo dell’energia).

Non mi rimane altro che darvi qualche ricetta originale, che esula un po’ dalle classiche formule presentate nei manuali di istruzioni delle gelatiere:

Gelato al bacio (ricetta di Guido Martinetti delle gelaterie Grom)
Gelato al cioccolato (ricetta di Guido Martinetti)
Gelato alle nocciole (ricetta di Guido Martinetti)
Gelato al pistacchio (ricetta di Guido Martinetti)
Gelato al tè verde
Gelato al tè verde con gocce di cioccolato bianco (ricetta di Guido Martinetti)

Sorbetto di ananas
Sorbetto di cachi
Sorbetto di fichi (ricetta di Salvatore De Riso)
Sorbetto al melone
Sorbetto pere e cioccolato (ricetta di Guido Martinetti)

1 commento su “Gelato fatto in casa? Perché no?”
  1. […] Come servire il gelato al parmigiano? Le scelte possibili sono due: come antipasto un po’ diverso dal solito e davvero appetitoso da servire con un’insalata di cuore di sedano o con dei ravanelli, insieme a dei crostini di pane casereccio. Oppure al posto del formaggio quasi in chiusura del pasto, prima del dolce. Vediamo come si può prepararlo con una gelatiera domestica. […]


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2022, P.IVA 01264890052
SoloFornelli.it – Ricette di cucina facili e veloci supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009