L’origano: tante proprietà e un profumo unico nel suo genere

Di , scritto il 07 Settembre 2012

Che cosa sarebbe la pizza napoletana senza una quantità ben dosata di origano? E come potremmo rafforzare in maniera altrettanto efficace il sapore di sughi al pomodoro per la pasta (tipicamente detta alla pizzaiola), i piatti di pesce azzurro, le braciole di suino, le verdure stufate e le insalate miste così tipiche nel nostro Meridione?

Le infiorescenze bianco-rosate e le foglioline secche di questa pianta tipicamente mediterranea, non possono assolutamente mancare nel nostro arsenale di spezie in cucina. L’origano fresco darebbe ancora più sapore e fragranza, ma è difficile procurarselo. Potendo scegliere tra due prodotti essiccati, sono da preferire i ramoscelli da cui si sbriciolano le foglioline al momento di cucinare, piuttosto che le foglioline già sbriciolate e confezionate. I rametti si conservano bene in un barattolo di vetro oppure avvolti in un foglio di plastica.

Sotto il profilo botanico, l’origano è parente stretto della maggiorana. Lo conoscevano già bene gli antichi greci e gli arabi.

Dal punto di vista delle sue proprietà salutistiche: l’origano è un antisettico, in grado di contrastare le piccole cariche batteriche dei cibi e uno stimolatore dei succhi gastrici.


4 commenti su “L’origano: tante proprietà e un profumo unico nel suo genere”
  1. CARMELO ha detto:

    Sono un vecchio pensionato e da sempre amante della natura anche perché, fino a 11 anni, ho fatto diciamo il contadino, aiutando, qualche volta, mio zio Francesco. Poi sono ” emigrato ” con la famiglia poi sono ritornato mi sono impiegato ed ora sono in pensione come dicevo. Circa due mesi fa un mio amico con la moglie, venuti a farci visita, vedendo il mio terrazzino con tanti vasetti, ha voluto saper i nomi delle piantine in esse contenute cosa che prontamente ho fatto. Per tutta risposta mi ha detto ” e l’origano dov’è ” naturalmente ho dovuto ammettere che non ce l’ho. In compenso mi ha fornito il vostro indirizzo e, a mia volta, vi chiedo dove posso comprare il seme dell’origano ” MA QUELLO CHE USIAMO IN SICILIA “

  2. CARMELO ha detto:

    Sono un vecchio pensionato e da sempre amante della natura anche perché, fino a 11 anni, ho fatto diciamo il contadino, aiutando, qualche volta, mio zio Francesco. Poi sono ” emigrato ” con la famiglia poi sono ritornato mi sono impiegato ed ora sono in pensione come dicevo. Circa due mesi fa un mio amico con la moglie, venuti a farci visita, vedendo il mio terrazzino con tanti vasetti, ha voluto saper i nomi delle piantine in esse contenute cosa che prontamente ho fatto. Per tutta risposta mi ha detto ” e l’origano dov’è ” naturalmente ho dovuto ammettere che non ce l’ho. In compenso mi ha fornito il vostro indirizzo e, a mia volta, vi chiedo dove posso comprare il seme dell’origano ” MA QUELLO CHE USIAMO IN SICILIA “

  3. CARMELO ha detto:

    Sono un vecchio pensionato e da sempre amante della natura anche perché, fino a 11 anni, ho fatto diciamo il contadino, aiutando, qualche volta, mio zio Francesco. Poi sono ” emigrato ” con la famiglia poi sono ritornato mi sono impiegato ed ora sono in pensione come dicevo. Circa due mesi fa un mio amico con la moglie, venuti a farci visita, vedendo il mio terrazzino con tanti vasetti, ha voluto saper i nomi delle piantine in esse contenute cosa che prontamente ho fatto. Per tutta risposta mi ha detto ” e l’origano dov’è ” naturalmente ho dovuto ammettere che non ce l’ho. In compenso mi ha fornito il vostro indirizzo e, a mia volta, vi chiedo dove posso comprare il seme dell’origano ” MA QUELLO CHE USIAMO IN SICILIA “

  4. carlo ha detto:

    in tutte le pizzerie per comodità mettono l’origano prima di infornare ,l’origano e buono al naturale non scaldato


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2019, P.IVA 01264890052
SoloFornelli.it – Ricette di cucina facili e veloci supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009