L’insalata: chi più ne ha più ne mangi

Di , scritto il 14 Settembre 2012

vari tipi di insalataLattuga, cappuccina, romana, cicoria, indivia o scarola, lollo, belga, rucola, radicchio, valeriana. Con il nome generico di insalata si definiscono vari ortaggi da foglia che possono essere consumati crudi.

I vari tipi di insalata sono accomunati dal fatto di essere un cibo assolutamente ipocalorico, con grassi quasi assenti e una buona quantità di fibra. Contengono poi buone quantità di vitamina A e C, betacarotene, clorofillaniacina e folati, nonché molti minerali (potassio, calcio, fosforo, sodio).

L’insalata è comunque costituita al 93-94% di acqua, ma questa percentuale scenda rapidamente via via che le foglie invecchiano. Soprattutto se l’insalata viene tagliata (come avviene nei comodi ma costosi prodotti di quarta gamma): vi sarete accorti che resta quasi solo la fibra e si ha la sensazione di mangiare del fieno. Un’insalata fresca è invece un eccellente cibo, dissetante e depurativo.

Il modo migliore per conservarne le proprietà dell’insalata è tagliare le foglie alla base del cespo, lavarle velocemente sotto l’acqua corrente (intere) e poi inzupparle nel pinzimonio come si fa di solito con i carciofi.


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2022, P.IVA 01264890052
SoloFornelli.it – Ricette di cucina facili e veloci supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009