Loretta Fanella: piccola grandissima pasticceria

Di , scritto il 15 Giugno 2009

Loretta FanellaLa Prova del Cuoco non ha solo il merito di avere fatto conoscere al grande pubblico un grande maestro pasticciere come Salvatore De Riso, ma anche la bravissima Loretta Fanella, un vero genio della pasticceria da alta ristorazione. Se mi permettete il paragone azzardato, li creazioni di Loretta stanno a quelle a Sal De Riso come un merletto al tombolo sta a un tappeto persiano: sempre di due capolavori si tratta, ma con texture, peso e volume ben diversi.

Originaria di Frosinone, Loretta ha la capacità di coniugare nel migliore dei modi l’arte e la pasticceria più raffinata pasticceria. Ha già lavorato in posizioni di prestigio con alcuni tra i migliori chef del mondo: a Verona nel ristorante di Fabio Tacchella, a Milano da Cracco-Peck, in Spagna presso il ristorante El Bulli di Ferran Adrià. A quanti ci risulta, attualmente è chef patissier presso la nota Enoteca Pinchiorri di Firenze.

Quelle di Loretta sono opere d’arte, inventate e messe insieme con pazienza, certosina precisione, attenzione ai colori e ai profumi. Ricordo di averla vista in tv costruire dal nulla in pochi minuti uno splendido dessert dal titolo ‘Sottobosco’, molto simile a quello che vedete qui sotto; un’altra volta ha sorpreso tutti con puzzle fatto con pezzi colorati di gelatine, cioccolato, zuccheri colorati. Una delizia per gli occhi; sembra un vero peccato mangiare un’opera d’arte di questo genere!

Loretta utilizza anche petali coloratissimi di fiori, e foglie commestibili per composizioni delicate, dei veri quadretti d’artista: degli abbinamenti inediti nell’ambito della pasticceria con prodotti ed elaborazioni stupefacenti.

Loretta Fanella


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2022, P.IVA 01264890052
SoloFornelli.it – Ricette di cucina facili e veloci supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009