Caffè in grani: vendite in calo nel 2020

Di , scritto il 17 Marzo 2021
caffè in grani

Se è vero che il caffè è parte integrante della routine quotidiana di milioni di italiani, è altrettanto vero che i ritmi della vita moderna hanno modificato profondamente il modo di consumare questa bevanda diffusa in tutto il mondo. La moka tradizionale, infatti, ha ceduto il passo alle macchine per il caffè espresso e, di conseguenza, cialde e capsule sono diventate di uso comune. In questo scenario, sono sempre meno gli amanti del caffè che acquistano direttamente in grani per ottenere la miscela.

I dati elaborati dall’IRI

Secondo i dati emersi da una ricerca di settore condotta dall’IRI, nel corso del 2020 le vendite in valore del caffè in grani sono calate del 5%, in controtendenza rispetto all’andamento positivo del settore merceologico di riferimento (vendite in aumento oltre il 10%) sia al più ampio comparto delle bevande che, in base a quanto evidenziato da uno studio sul Largo Consumo, ha fatto registrare un incremento delle vendite del 5,1%.

Nel corso del 2020, le contingenze determinate dall’emergenza sanitaria hanno avuto un impatto notevole sulle vendite dei grani di caffè. Un’altra ricerca dell’IRI, relativa alle performance dei preparati per bevande calde, ha evidenziato come l’incremento delle vendite precedente il Covid-19 (3,5%) sia stato annullato dai riscontri successivi (relativi a diversi periodi del 2020, confrontati con il 2019): -9,3% dallo scoppio della pandemia e – 10,1% alla riapertura successiva al lockdown, ai quali si aggiunge un -5,5% in coincidenza della seconda ondata.

Le previsioni per il 2021

Nel già citato studio, l’IRI ha elaborato una previsione per l’andamento delle vendite in valore dei prodotti pre confezionati di largo consumo. Rispetto al 2020, il comparto delle bevande potrebbe far registrare un dato negativo, con un calo del 2%. Di conseguenza, anche il segmento del caffè in grani potrebbe risentirne, prolungando un trend generalmente negativo.

I motivi sono diversi; il primo è rappresentato dalle misure restrittive, che periodicamente limitano l’accesso a bar e ristoranti. Di conseguenza, le attività autorizzate a somministrare caffè, acquistano un quantitativo minore di grani, qualora non utilizzino la miscela già macinata. In secondo luogo, la preparazione del caffè partendo dai grani richiede un tempo maggiore rispetto alla moka (e, ancor di più rispetto alle macchine per l’espresso): i chicchi di caffè, infatti, vanno macinati utilizzando un apposito dispositivo (elettrico o manuale) oppure una macchina multifunzione in grado anche di ridurre in polvere i grani prima di effettuare la tostatura e l’infusione.

Come preparare il caffè con i grani

La preparazione del caffè a partire dai grani assicura anche diversi vantaggi, soprattutto per quanto riguarda la conservazione delle caratteristiche della bevanda che si può ottenere: i grani, infatti, tendono a perdere buona parte degli aromi pochi minuti dopo la macinazione (cosa che si può evitare utilizzando i grani appena macinati).

Anzitutto, è necessario scegliere il tipo di grani dai quali ottenere la miscela che si desidera; a tal proposito, oltre ai negozi specializzati, è possibile rivolgersi anche ad e-commerce di settore come Toro Caffè, così da farsi un’idea di quali siano i prodotti reperibili sul mercato.

Il consiglio, per ottenere un risultato soddisfacente, è quello di prediligere prodotti di qualità, altamente selezionati. Una volta acquistato il prodotto, al momento della preparazione bisogna anzitutto macinare i grani con un macinacaffè (manuale o elettrico).

Per gli amanti della tradizione, è bene utilizzare la miscela ottenuta per preparare una moka, avendo cura di utilizzare acqua povera di calcare e di non tenere la fiamma troppo alta: portando l’acqua ad ebollizione, si rischia di ottenere una bevanda dal vago retrogusto di bruciato, sciupando le caratteristiche migliori del caffè ottenuto con una miscela “fai da te”.

1 commento su “Caffè in grani: vendite in calo nel 2020”
  1. Massimiliano ha detto:

    Mi dispiace leggere queste statistiche, sono un amante del caffè da sempre e contrariamente alla massa, con le restrizioni causate dalla pandemia e quindi maggior tempo per consumare caffè a casa, mi sono convertito al caffè in grani per la moka. Mi piace poterlo macinare a mano sul momento, solitamente non acquisto miscele, preferisco provare diversi caffè specialty provenienti da più parti del mondo.
    Non vivo più il caffè come espresso da prendere di corsa al bancone del bar nella nostra vita frenetica, ma come momento di pausa dove posso assaporarmi una bevanda tra le più buone al mondo.


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2021, P.IVA 01264890052
SoloFornelli.it – Ricette di cucina facili e veloci supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009