Ricetta: Insalata di pollo

Di , scritto il 09 Giugno 2021
insalata di pollo

L’insalata di pollo è perfetta da portare in ufficio per la pausa pranzo o da servire in occasione di una cena buffet tra amici. Ma è anche un’ottima soluzione “salva-cena” da preparare in anticipo. In pratica si tratta di petti di pollo grigliati o bolliti con un’aggiunta di vino bianco e verdure stuzzicanti da variare in base al proprio gusto.

Per preparare l’insalata di pollo cominciare battendo 600 grammi di filetti di pollo con un batticarne tra due fogli di carta forno (per non rovinare la fibra). In una pentola capiente bollire i filetti di pollo con 1/2 bicchiere di vino bianco, salare e cuocere per 15 minuti. Una volte pronti scolarli e lasciarli raffreddare.

Nel frattempo preparare le verdure. Prendere 200 grammi di peperoni, rimuovere i semini interni e tagliarli a julienne. Pelare e spuntare 150 grammi di carote e ridurle a listarelle. Tagliare a rondelle 170 grammi di coste di sedano e 60 grammi di cetriolini in agrodolce. Tagliare a rondelle 60 grammi di olive verdi denocciolate e 60 grammi di groviera a listarelle. Quando la carne sarà raffreddata tagliarla a striscioline e unire il tutto in una capiente ciotola e dare una prima mescolata.

Preparare un’emulsione con 100 grammi di olio extra vergine di oliva, un pizzico di sale fino, un pizzico di pepe e 20 grammi di aceto di vino bianco. Condire l’insalata di pollo con la vinaigrette e mescolare il tutto. Coprire poi con una pellicola trasparente e lasciare riposare in frigorifero per almeno un’ora prima di servirla. In questo modo i sapori si amalgameranno alla perfezione tra loro. Potrete conservare l’insalata di pollo per un giorno al massimo tenendola ben coperta.


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2021, P.IVA 01264890052
SoloFornelli.it – Ricette di cucina facili e veloci supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009