Il Bardolino, vino DOC veneto di grande qualità

Di , scritto il 30 Agosto 2021
Vino Bardolino

Tra i vini veneti un posto importante, come segnalano i vari blog di settore come Impeto diVino, se lo aggiudica sicuramente il Bardolino. Si tratta di un blend di vitigni che comprende l’uva corvina veronese e l’uva rondinella, oltre che vitigni minori, con una percentuale massima del 10% per ognuno dei vitigni e in totale del 20%.

Le regole, che permettono anche di sostituire l’uva corvina con il vitigno Corvinine, in una percentuale massima del 20%, sono quelle del disciplinare del Consorzio di Tutela Vino Bardolino DOC, che è nato nel 1968, dopo che la Dichiarazione DOC era stata fatta nell’anno precedente.

Le proprietà del Bardolino e la denominazione DOC

La zona di produzione dell’ottimo vino Bardolino DOC, è quella della parte sud del Lago di Garda. Si tratta di un territorio caratterizzato da una serie di colline moreniche dove sono presenti ulivi e viti, tipici segnali della vegetazione mediterranea.

Il suo clima dolce, con estati temperate e inverni miti, garantisce una produzione di uva di ottima qualità. Questa zona, che a est è delimitata dalla Valle dell’Adige e a ovest dalle coste del lago e dal fiume Mincio, comprende una serie di comuni tra cui quello di Bardolino dal quale il vino prende il nome. Qui la coltivazione della vite sembrerebbe risalire all’epoca romana, anche se le prime fonti accertate sono del periodo altomedievale.

Tra le proprietà del vino Bardolino ci sono la piacevolezza al palato e all’olfatto, la media tannicità, e l’eleganza, dovuta anche al suo colore rosso e alla struttura media. Profumato e snello, il vino Bardolino non viene affinato in legno ed è di pronta beva. Una semplicità, quella di questo vino, che potrebbe apparire come un difetto, ma che rappresenta invece una dote importante.

Il vino Bardolino DOC e gli abbinamenti ideali con il cibo

Il vino Bardolino è caratterizzato da una grande freschezza ed è molto fruttato. Grazie a queste doti viene abbinato a moltissimi piatti diversi tra loro, sia quelli appartenenti alla tradizione locale, che quelli della cucina più moderna.

Il Consorzio Tutela Vino Bardolino DOC consiglia di abbinarlo principalmente ai primi piatti, spaziando dai risotti, ai ravioli, alle lasagne, ma anche alle zuppe di legumi e principalmente alla pasta e fagioli nella tipica versione alla veneta. Il vino Bardolino, essendo un rosso, è naturalmente ben abbinabile anche ai piatti di carne, preparati sia al forno che alla griglia, con buoni risultati anche con il bollito misto.

La stagione autunnale vede degli ottimi abbinamenti anche con le castagne e con i funghi, oltre che con un piatto tradizionalmente di questa stagione come la polenta e con il baccalà. Nella sua zona d’origine, sul lago di Garda, il Bardolino viene da sempre assaporato, nelle sue versioni più leggere, con il pesce di lago. Un esempio eccellente è quello con il risotto con la tinca oppure con un secondo piatto come l’anguilla alla griglia.


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2021, P.IVA 01264890052
SoloFornelli.it – Ricette di cucina facili e veloci supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009