Una bevanda dissetante: il tè alla menta

Di , scritto il 04 Luglio 2008

tementaIn Occidente siamo convinti che per rinfrescarsi la cosa migliore sia bere ghiacciato. Di tutt’altra opinione quelli che vivono nei paesi davvero caldi: nel deserto si beve il tè bollente perché se aumenta la temperatura interna del corpo, si percepisce meno il caldo esterno. Inoltre, lo choc provocato da una bevanda ghiacciata non è buono per il corpo e finisce per aumentare la sudorazione. Okay, voi potete pensarla come volete, io vi spiego come si prepara il tè alla menta, caratteristico dei paesi nordafricani e del Medio Oriente. Se proprio preferite, bevetelo freddo, il gusto è sempre ottimo!

Bollire 1 litro di acqua a cui sono state aggiunte 4 bacche di cardamomo; poi mettere l’acqua bollente in una teiera e aggiungere 1 cucchiaio di foglie di tè verde e 4-5 foglie di menta fresca o secca e zucchero a piacere. Coprire e lasciare in infusione per 4-5 minuti. Servire, volendo mettere una foglia di menta fresca nella tazza come nella foto.

Mascherine in pronta consegna

2 commenti su “Una bevanda dissetante: il tè alla menta”
  1. […] Purtroppo la menta fresca non è facile da trovare sul mercato come avviene con altre erbe odorose: un buon motivo per coltivarla in casa, tenendo presente che la piantina non deve prendere freddo, per questo la menta dei paesi caldi è di gran lunga migliore di quella coltivata alle nostre latitudini e con questa bisogna preparare il gradevolissimo tè alla menta. […]

  2. […] ghiacciate, ma bevande calde. Non è un caso che gli abitanti del deserto bevano il tè caldo. In questo post del blog SoloFornelli vi abbiamo spiegato perché lo fanno e come si prepara un ottimo tè alla […]


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2020, P.IVA 01264890052
SoloFornelli.it – Ricette di cucina facili e veloci supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009