Ricetta: Gnocchi di patate con fave, pancetta e parmigiano

Di , scritto il 09 Marzo 2021

Siamo proiettati verso la bella stagione con questi gustosissimi gnocchi fatti in casa conditi con il più primaverile dei legumi: le fave (che potete anche sostituire con i piselli freschi se proprio non avete disponibilità). Seguite le nostre indicazioni, che come al solito si intendono per 4 persone.

Bollire in una casseruola piena d’ acqua 800 grammi di patate dalla polpa farinosa, poi sbucciarle e passarle nell’apposito attrezzo o in un passaverdure sopra una spianatoia. Lasciare raffreddare completamente il purè ottenuto, poi preparare l’impasto con 1 uovo precedentemente sbattuto, 200 grammi di farina e sale. Lavorare il composto fino a renderlo omogeneo, poi formare 4 palle e modellarle per formare dei bastoncini dal diametro di circa 2 centimetri. Tagliare i rotolini a intervalli di 1,5 centimetri, e passare ogni singolo gnocco su una forchetta infarinata schiacciandolo delicatamente per dargli la tipica forma.
Portare a ebollizione abbondante acqua salata in una casseruola. Nel frattempo scaldare 1 cucchiaio di olio d’oliva e rosolarvi 200 grammi di fave pelate e 15 fette sottilissime di pancetta finché le fave non iniziano a disfarsi. Aggiustare di sale (se necessario), pepe e peperoncino. Quando l’acqua bolle tuffare gli gnocchi e raccoglierli con una schiumarola non appena arrivano in superficie scolandoli bene e trasferendoli dentro un piatto di servizio. Irrorare gli gnocchi generosamente con 3 cucchiai di olio d’oliva e spolverarli con 4 cucchiai di parmigiano grattugiato fresco, poi coprirli con le fave e la pancetta cotti. Servire subito.

Altre squisite ricette con gli gnocchi di patate seguendo questo link.


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2021, P.IVA 01264890052
SoloFornelli.it – Ricette di cucina facili e veloci supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009