Cucina del risparmio: Bollito alla picchiapò

Di , scritto il 21 Marzo 2018

Questo che vi presentiamo oggi è un piatto romanissimo, volendo un ottimo esempio di “cucina degli avanzi” che usa come ingrediente base il lesso con cui si è preparato il brodo. Naturalmente nessuno vieta di bollire la carne ex novo, con la raccomandazione di immergerla in acqua già in piena ebollizione e aromatizzata con cipolle, sedano, carote e gambi di sedano. In pratica poi il bollito viene ripassato in un sugo in cui la cipolla è il sapore prevalente. Delizioso, vedrete!

In una padella scaldare 2 cucchiai di olio extravergine di oliva e farvi soffriggere 2 cipolle di grandi dimensioni con un pizzico di peperoncino (non lasciare che la cipolla bruci). Aggiungere poi 500 grammi di bollito sfilettato e farlo insaporire, sempre mescolando, sfumare con 1/2 bicchiere di vino bianco. Quando il vino è completamente evaporato aggiungere 250 grammi di passata di pomodoro, sale, 4 cucchiai di brodo e 1/2 cucchiaino di zucchero. Lasciare cuocere per 15 minuti a fuoco basso. Appena prima di servire spolverare la carne con alcune foglie di prezzemolo fresco tritato grossolanamente.



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2018, P.IVA 01264890052
SoloFornelli.it – Ricette di cucina facili e veloci supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009