Lo speck: un sapore intenso, ma dolce

Di , scritto il 29 Aprile 2010

La parola speck è di origine germanica, letteralmente vuol dire ‘lardo, grasso di maiale’. Infatti, la tradizionale lavorazione di questo squisito prosciutto è giunta in Italia con i popoli del nord, che, dovendo spostarsi continuamente, preparavano carni sotto sale, oppure essiccate (come la bresaola) o affumicate, che fossero leggere da trasportare e si conservassero nel tempo.

Uno speck che si rispetti deve avere una grande quantità di grasso, fino alla metà del peso totale. Nel nostro paese il migliore viene prodotto in Alto Adige (contrassegnato dal marchio IGP) e nel Sudtirolo austriaco. Semplificando al massimo, potrebbe essere definito come un prosciutto crudo delicatamente affumicato. In realtà, il processo di lavorazione è assai complesso e tramandato di generazione in generazione. Lo speck di alta qualità viene affumicato con fumo passante, non stagnante, creato con tronchi di legno di ginepro e pino (non con segatura, né tanto meno aromatizzato con fialette al sapore di fumo, come purtroppo in qualche caso avviene).

Lo speck contiene un’ottima quota proteica, migliore del prosciutto crudo, tanto per fare un esempio che nulla toglie al valore di quest’ultimo. Attenzione però a non eccedere nella quantità consumata, per via dell’alto contenuto di sodio, estremamente deleterio per chi soffre di ipertensione.

Una ricetta velocissima che permette di gustare lo speck in tutto il suo sapore è la versione italiana del bacon and eggs anglosassone: scaldare dei cubetti di speck per 2 minuti in un padellino antiaderente e poi cuocervi un uovo freschissimo. Molte altre ricette interessanti in cui rientra lo speck, le trovate su queste pagine del nostro sito. Tra queste ci sono anche i celeberrimi canederli.


5 commenti su “Lo speck: un sapore intenso, ma dolce”
  1. […] gustare l’eccellente enogastronomia sudtirolese, a base di prelibati formaggi, canederli, speck e vini straordinari, come il Lagrein e il […]

  2. […] una cucina povera di antiche origini contadine che valorizza i sapori locali, come quello dello speck, dei formaggi di malga, dei canederli, del salame di cervo, delle salsicce affumicate. Antiche […]

  3. […] gradita e va sostituita con piatti caldi fumanti. Se volete, potete rinfrescarvi la memoria sulle caratteristiche dello speck di cui abbiamo parlato a suo […]

  4. […] Non è un caso che il ginepro sia un ingrediente presente nella conservazione dello speck e dei crauti: si tratta della bacca di un cespuglio che cresce sulle alture dei boschi […]

  5. […] una cucina povera di antiche origini contadine che valorizza i sapori locali, come quello dello speck, dei formaggi di malga, dei canederli, del salame di cervo, delle salsicce affumicate. Antiche […]


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2019, P.IVA 01264890052
SoloFornelli.it – Ricette di cucina facili e veloci supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009