Yogurt fatto in casa? Perché no?

Di , scritto il 18 Aprile 2010

Lo yogurt è uno dei cibi più sani che esistano: ricco di calcio e sali minerali, vitamine del gruppo B e vitamina PP, è ideale per aiutare i bambini nella crescita. Con i suoi fermenti lattici vivi ha effetti benefici sulla flora intestinale, combatte ed elimina i microrganismi dannosi presenti nell’intestino e, stimolando le difese immunitarie, combatte virus e batteri. Un vero elisir di lunga vita, tant’è vero che tra le popolazioni che consumano grandi quantità di yogurt (per esempio i bulgari) la vita media è molto più lunga che altrove.

Di solito è ben assimilato anche dagli intolleranti al lattosio poiché, grazie alla fermentazione, il lattosio originariamente contenuto nel latte viene scisso in due altri zuccheri, ovvero il glucosio e il galattosio, che sono più facilmente digeriti.

Lo yogurt intero è un alimento completo, che contiene proteine, carboidrati e grassi, ma ha un contenuto calorico relativamente basso. Per questo, nei piatti volutamente light può egregiamente sostituire il burro (per esempio nella preparazione di alcune torte) e l’olio (come condimento per le insalate).

E allora: che cosa vi trattiene dal comprare una yogurtiera e prepararvelo in casa? Si tratta di un’idea che vi procurerà non solo risparmio di denaro, ma vi darà anche garanzia di genuinità e, non ultima, la soddisfazione del fai-da-te.

La yogurtiera è uno dei casalinghi più semplici nella struttura: una vaschetta con una resistenza di pochi Watt che garantisce una temperatura di 40-45° C e che di solito alloggia da 6 a 12 vasetti, oppure un unico contenitore, e un timer per l’avvio automatico. Solitamente occorrono da 8 a 12 ore per ottenere uno yogurt ‘vivo’, anche se molto dipende dalla tipologia del latte impiegato.

Con una yogurtiera preparerete una sanissima dose di yogurt semplicemente versando nella macchina il latte (fino a 1,2 litri) e i fermenti lattici vivi (lactobacilli vulgarici, si trovano nelle latterie o in erboristeria) e selezionando la funzione ‘yogurt’. Una volta pronto, lo yogurt può essere conservato in frigo in un’apposita tazza con coperchio.

E per l’estate che sta arrivando, provate l’ayran, una bevanda orientale molto dissetante a base di yogurt!


2 commenti su “Yogurt fatto in casa? Perché no?”
  1. […] Messo a punto dall’esperienza di Danone, DANIO è capace di abbinare un ottimo gusto con una consistenza unica nel suo genere: densa, ma al tempo stesso anche cremosa e vellutata. Inoltre, riunisce la leggerezza di un prodotto a basso contenuto di grassi e un alto tenore di proteine, grazie a uno speciale processo di produzione. DANIO infatti nasce da un processo di colatura del siero del latte per il quale viene utilizzato un quantitativo doppio di materia prima rispetto a quanto avviene per gli yogurt tradizionali. […]

  2. […] Se qualcuno si fosse chiesto leggendo l’inizio di questo post quali sono gli altri alimenti considerati “cibi della salute”, eccone l’elenco (di molti di questi abbiamo già parlato!): aglio, broccoli e cavoli, carote, insalate di campo (cicoria, tarassaco, lattuga, radicchio), cipolla, erbe aromatiche e spezie, fagioli e legumi in generale, germe di grano, germogli, limone, mela, noci, olio extravergine di oliva, riso, pesci di acque profonde (salmone, sgombro, tonno), soia, thè verde, yogurt. […]


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2017, P.IVA 01264890052
SoloFornelli.it – Ricette di cucina facili e veloci supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009