Tanti modi per usare il Parmigiano Reggiano in cucina

Di , scritto il 28 Marzo 2014

parmigiano reggiano in cucinaCi sono molti modi per usare il Parmigiano Reggiano in cucina. Il più ovvio, è grattugiarlo su un bel piatto di pasta. Ma il Parmigiano non è solo un formaggio buono da grattare. Lo potete tagliare a petali per condirci un’insalata di stagione. Lo potete servire a scaglie e come snack. C’è chi lo usa perfino per preparare un dessert. È bene sapere che il Parmigiano non è tutto uguale e che per ogni uso c’è la stagionatura giusta.

Antipasti
Per gli antipasti e gli aperitivi, il Parmigiano Reggiano è quello giovane, meglio se stagionato fra i 18 e i 22 mesi. Questo Parmigiano è ottimo servito con i salumi tipici di Parma (Prosciutto crudo, Salame Felino e Culatello). Fra i vini da abbinare, ideale un bianco secco, come una Malvasia dei Colli di Parma. Se volete osare, provate un Parmigiano 22 mesi con uno spumante Charmat bianco o con uno champagne.

Il Parmigiano è veramente buono con tutto, anche con la frutta fresca. Per esempio, un Parmigiano 18-20 mesi si sposa alla grande con le fragole, con l’uva, con le mele e con le pere. Una stagionatura leggermente superiore, sui 24 mesi, è perfetta con la frutta secca – noci, nocciole, fichi e prugne in particolare.

Primi piatti
Il Parmigiano Reggiano ideale da grattugiare è il 18-22 mesi. Questa stagionatura è ottima da usare anche per le Melanzane alla parmigiana – per una teglia per sei persone bastano 150-200 grammi di formaggio.

Per minestroni, zuppe e vellutate è preferibile un Parmigiano invecchiato 24 mesi, magari tagliato a petali: nel minestrone c’è anche chi ci mette la crosta del formaggio.

Secondi piatti
Visto che siamo vicini alla bella stagione, meglio stare leggeri. Che ne dite di un bel piatto di carpaccio di carne o di pesce? Ovviamente condito con tanti petali di Parmigiano Reggiano stagionato 18-22 mesi: basta aggiungere un filo di olio extravergine, una manciata di basilico e un goccio di Aceto Balsamico di Modena. Avete mai provato il Parmigiano con le uova fritte e il tartufo? In questo caso, scegliete un 24 mesi e un vino rosso di media struttura, come un Rosso di Montefalco o un Chianti Classico.

Con le verdure
Potete condire le verdure di stagione con un Parmigiano stagionato non oltre i 20 mesi. Per esempio, potete preparare una macedonia di verdure di stagione e condirla con qualche petalo di Parmigiano Reggiano, vinaigrette e Aceto Balsamico di Modena. In alternativa, un piatto di rucola e valeriana, con radicchio rosso di Treviso, un filo di olio extravergine e un Parmigiano 18 mesi tagliato a petali o a cubetti.

Dessert
Il Parmigiano Reggiano in cucina è versatile come pochi altri formaggi. C’è chi lo usa per preparare delle mousse e dei muffin, delle millefoglie e perfino il gelato. A fine pasto, vi consigliamo di provare il Parmigiano Reggiano 36 mesi condito con qualche goccia di Aceto Balsamico Tradizionale di Modena: l’esperienza sensoriale è impagabile.

Per trovare la stagionatura di Parmigiano giusta per la vostra prossima ricetta affidatevi a ParmaShop, il primo e-commerce di prodotti tipici di Parma. Le spedizioni son gratis in tutta Italia per ordini superiori ai 150 euro.


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2021, P.IVA 01264890052
SoloFornelli.it – Ricette di cucina facili e veloci supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009