Formaggi stagionati italiani: caratteristiche e proprietà

Di
formaggi

Gustosi e perfetti per preparare qualsiasi ricetta, dal primo al secondo sino al contorno, ma anche per rendere delizioso un aperitivo: i formaggi stagionati sono speciali e mettono tutti d’accordo. Dove trovare i migliori? Aldi mette a disposizione un nuovo assortimento di formaggi stagionati assolutamente da non perdere.

Formaggi stagionati italiani: i migliori da assaggiare

Primis è infatti la marca di Aldi totalmente dedicata a Parmigiano Reggiano D.O.P. e al Grana Padano D.O.P. Parliamo di due fra le maggiori eccellenze italiane legate alla tradizione casearia, apprezzate e amate in tutto il mondo, con un gusto davvero inconfondibile e tantissime stagionature a disposizione.

Il Parmigiano Reggiano e il Grana Padano infatti sono dei formaggi stagionati di alta qualità, ideali non solo per preparare delle ricette, ma anche per essere gustati soli, accompagnati da un bicchiere di vino o per esaltare un piatto di pasta.

Il Grana Padano DOP oltre 20 mesi è il formaggio perfetto da gustare per un aperitivo insieme ad un cocktail oppure ad un bicchiere di vino con grande corpo e intensità. Parliamo infatti di un formaggio ideale per i palati gourmet e speciale davvero in tutte le occasioni. Non a caso è la scelta di veri intenditori che amano la cucina italiana e adorano gustarlo da solo oppure in versione grattugiata per arricchire un primo della tradizione italiana. Il gusto di questo formaggio è intenso, ricco e fragrante, con tante sfumature da scoprire.

Il Parmigiano Reggiano DOP 24 mesi è invece uno fra i formaggi italiani più apprezzati e famosi al mondo. La sua lavorazione, non a caso, è regolamentata da un disciplinare molto rigoroso allo scopo di garantire la massima qualità e un gusto tradizionale. Il Parmigiano Reggiano DOP 24 mesi presenta una pasta friabile e leggermente granulosa, saporita e dolce, con un sapore pieno di equilibrio e meraviglioso. Il formaggio è ricco di profumi e amato sia dai grandi che dai bambini. Si può usare per dare gusto a un risotto ok rendere eccezionale una pasta, esaltano anche i piatti più semplici.

Ottimo pure il Grana Padano D.O.P. stagionato per 14 mesi, da assaporare nella versione a bocconcini. Un’idea eccellente per preparare in pochissimi minuti un aperitivo. Basta infatti aprire la confezione, mettere in tavola il formaggio e il gioco è fatto! Accompagnato con del vino corposo questo formaggio è eccezionale, ma si può usare pure per preparare una merenda golosissima prima di fare sport o per i bambini.

Molto apprezzato anche il Grana Padano DOP stagionato 9 mesi. Parliamo di un formaggio con un sapore delicato, ideale da consumare tutti i giorni, sia da solo che per accompagnare dei piatti che sono i grandi classici della tradizione italiana, come paste, ravioli oppure risotti.

Il Parmigiano Reggiano DOP 12 mesi invece ha un gusto che mette tutti d’accordo. Non a caso viene utilizzato non solo per l’happy hour, ma anche per rendere deliziosi piatti freddi e insalate. Gli esperti consigliano di assaporarlo da solo o nelle ricette, sempre abbinato ad un calice fresco di vino bianco frizzante per un’esperienza di gusto eccezionale.

Chi non vuole perdere tempo, ma godersi appieno il gusto dei formaggi stagionati, può puntare sul Grana Padano D.O.P. grattugiato, un prodotto caseario di altissima qualità, che si può abbinare alla perfezione a tantissimi piatti, basta infatti una spolverata di questo formaggio per rendere ogni piatto speciale, unico e inimitabile, trasformandolo in meglio. Dal semplice piatto di pasta con il pomodoro all’amatriciana, passando per la pasta al forno, la carbonara oppure i ravioli burro e salvia e tantissimi altri primi piatti della tradizione italiana e non solo.


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it, 2007-2023, P.IVA 01264890052
SoloFornelli.it – Ricette di cucina facili e veloci supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009