Ricetta: Insalata di gamberetti, peperoni e cuori di palma

Di

Conoscete i cuori di palma? Sono detti anche palmitos: una prelibatezza di origine tropicale particolarmente amata in terra francese. Praticamente sono la parte interna e commestibile del fusto di alcune palme tropicali coltivate soprattutto in America del Sud. Fino a qualche tempo fa mangiare cuori di palma era considerato un grande spreco dal punto di vista ecologico, poiché per ricavare un solo chilogrammo di prodotto era necessario abbattere ben due palme di 10-15 anni. Ultimamente però i palmitos vengono ricavati principalmente dal midollo di palme appositamente coltivate e poi utilizzate per la costruzione di strade. Perciò, ovviamente senza abusarne, una volta ogni tanto possiamo concederci gustare senza remore questa squisitezza delicatissima e molto ricca di ferro, il cui gusto ricorda vagamente quello dei cuori di carciofo. Solitamente i palmitos si mangiano affettati in insalata, ma c’è chi li ama anche gratinati in forno cosparsi di formaggio. Dove trovare i cuori di palma? Nei supermercati più forniti e nei negozi etnici.

Scolare 400 grammi di gamberetti al naturale e farli macerare in 1 bicchierino di cognac per un’ora. Rassodare 2 uova, sgusciarle e tagliarle a spicchi; tagliare a rondelle 3 cuori di palma di media grandezza e tagliare a spicchi 1 pomodoro e a fette 1 grosso peperone verde. Condire i gamberetti con una salsa fatta con 1 tazza di maionese, 2 cucchiai di ketchup e 3-4 gocce di tabasco. Unire i palmitos, il pomodoro, le uova, il peperone e 1 cucchiaio di capperi tritati. Aggiustare di sale e pepe, infine guarnire con 12 olive nere e ciuffetti di prezzemolo. Servire l’insalata fredda (ma non appena tirata fuori dal frigorifero).


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it, 2007-2023, P.IVA 01264890052
SoloFornelli.it – Ricette di cucina facili e veloci supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009