Le carote: ortaggio o farmaco?

Di , scritto il 13 Maggio 2008

caroteDa sempre le carote sono uno degli ortaggi più preziosi per l’uomo, un alimento indispensabile nella dieta, soprattutto in quella dei bambini, degli anziani e delle donne che allattano. L’eccezionale ricchezza di provitamina e vitamina A (ottima per proteggere gli occhi e per aumentare la produzione di melanina nel corpo), ma anche di vitamine B e C e di numerosi minerali (ferro, fosforo, calcio, potassio, magnesio, manganese, zolfo, rame) le rendono un alimento eccezionalmente utile per la salute. Le carote sono rimineralizzanti, aiutano a combattere l’anemia, a rinforzare le difese immunitarie, a regolare l’intestino (sono adatte sia per la stipsi che per la diarrea), depurative, coadiuvanti nelle insufficienze epatobiliari. Le carote sono estremamente digeribili; sono sconsigliate soltanto ai diabetici per la forte presenza di zuccheri.

Quando si acquistano le carote, bisogna fare attenzione che siano sode, di un colore vivo e che non abbiano le estremità verdi. Ormai si trovano in commercio tutto l’anno, perché sono coltivate in serra. Ma, specie all’inizio dell’estate si trovano più facilmente sui mercati mazzi di carote primaticce con le foglie ancora fresche; ovviamente, costano un po’ di più di quelle in vaschetta, ma conterranno molti più principi nutritivi. Tra l’altro, le foglie e i gambi delle carote fresche sono commestibili e possono benissimo essere utilizzati nelle minestre di verdura insieme agli ortaggi: sarà un ottimo modo per risparmiare in cucina.

Per pulire le carote non conviene mai sbucciarle, ma semplicemente spazzolarle sotto un getto d’acqua fredda. Possono essere grattugiate e mangiate crude, da sole o aggiunte ad altre insalate, oppure bollite, stufate o fritte. Io di solito preferisco cuocerle al vapore intere e poi passarle in padella tagliate a tocchetti facendole bruciacchiare un po’ in burro e olio. Se sono di vecchia raccolta, è bene eliminare anche il cilindro centrale, troppo duro per essere mangiato. Per i veri salutisti, poi, un bicchiere di centrifugato di carota al risveglio è un vero toccasana. Ottime anche le minestre e gli sformati, nonché ottimi dolci, come questa torta di Salvatore De Riso.


15 commenti su “Le carote: ortaggio o farmaco?”
  1. […] * broccoli * carote * cavolfiore * cavolini di Bruxelles * cavolo * cavolo nero * pomodoro * soia * […]

  2. […] questa facile ricetta si combinano alimenti preziosi: broccoli e carote sono una eccezionale fonte di vitamine C e A, nonché due ortaggi rinfrescanti e dal basso […]

  3. […] nuove semine e nell’orto ci si sta preparando a coltivare le carote. Si legge direttamente su SoloFornelli (che ho consultato a seguito di una ricerca sulle proprietà delle carote) che, da sempre, […]

  4. nicoletta ha detto:

    No, non vanno sbucciate, al limite se sono sporche di terriccio puoi spazzolarle. Ciao

  5. ciro ha detto:

    ciao nicoletta sono ciro volevo chiederti ma le carote da centrifugare conviene sbucciarle o lavarle solo? aspetto una tua risposta grazie ciao

  6. ciro ha detto:

    grazie nicoletta x la risposta un carboncino nn lo spero ma almeno migliorare si essendo chiaro rimango sempre e solo rosso spero che con tanta melanina potrò almeno farmi meno rosso

  7. nicoletta ha detto:

    sì, notevolmente, ma se hai un fototipo chiaro non potrai mai diventare un carboncino! ciao!

  8. ciro ha detto:

    scusa nicoletta sono sempre ciro grazie x le risposte che mi dai volevo ancora chiederti
    ma credi che effettivamente bevendo ogni giorno centrifughe di ortaggi e frutta con molta betacarotene potrei migliorare la mia abbronzatura?

  9. nicoletta ha detto:

    Si può, certo, ma non a tutti piace il gusto. Però forse abbinati alla carota, che è dolce, sono più accettabili.

  10. ciro ha detto:

    nicoletta sono sempre ciro ma secondo te gli spinaci si possono centrifugare?

  11. ciro ha detto:

    grazie x il consiglio nicoletta ciao

  12. nicoletta ha detto:

    Non sono proprio un’esperta, ma penso che 2-3 carote al giorno siano l’optimum. Il vantaggio di centrifugarle è che riesci a ingerirne di più perché crude dopo un po’ “stoppano”. Ciao, auguri!

  13. ciro ha detto:

    ciao nicoletta volevo sapere che quantità giornaliera di carote mi consigli x aumentare la melanina visto che ne ho veramente poca e poi se fa piu effetto centrifugare le carote o mangiarle crude grazie aspetto una risposta

  14. nicoletta ha detto:

    Grazie, Anna, la tua ricetta mi ha fatto venire in mente una ricetta data in TV dal mitico Fabio Picchi
    (http://www.solofornelli.it/09032008/fabio-picchi-chef-e-maestro-di-pensiero/)
    che consigliava di sfruttare le carote usate per insaporire il brodo di carne per un ottimo sugo per la pasta: basta mixare carote cotte, burro fuso e una buona quantità di parmigiano e conquesto condire la pasta. Fantastico

  15. Anna ha detto:

    Ciao Nicoletta,
    io adoro le carote fatte in tutti i modi dai più classici e semplici, a quelli un po diversi dal solito. Per questo ho scovato in rete una ricetta che propone una pasta un po diversa dal solito e da provare: “Pasta e Carote”.
    Ingredienti per 4 porzioni
    # 400 g di pasta
    # 2 cipolle
    # aglio
    # 10 carote
    # 2 gambi di sedano
    # olio
    Preparazione
    Pulite le carote e tagliatele a tocchetti piccoli, tagliate anche il sedano. Affettate la cipolla e fatela stufare con olio e aglio. Unite le verdure e cuocete senza che attacchino al fondo a recipiente coperto. Cuocete la pasta e versatela nel tegame delle verdure, padellate insieme per qualche istante. Servite calda.


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2017, P.IVA 01264890052
SoloFornelli.it – Ricette di cucina facili e veloci supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009