L’amaranto: un colore e un chicco

Di , scritto il 21 Novembre 2007

amarantofioreL’amaranto è una pianta originaria del centro America, coltivata anche a scopo ornamentale, dai fiori color rosso cupo e dai chicchi commestibili e consumati come cereali, anche se propriamente, non facendo parte delle Graminacee non si tratta di un cereale, come nel caso del grano saraceno e della quinoa.
L’amaranto è ricco di proteine con elevato valore biologico: infatti contiene un’alta quantità di lisina, amminoacido essenziale di cui sono carenti quasi tutti i cereali. Ha poi un elevato contenuto di calcio, di fosforo, di magnesio e di ferro. Pensate che il calcio presente in 100 grammi di amaranto è maggiore di quello presente in 100 grammi di latte. Grazie inoltre al notevole contenuto di fibre, ha un effetto positivo sulla digestione e sul ricambio.

Essendo privo di glutine è indicato per l’alimentazione di chi è affetto da morbo celiaco, o ha problemi intestinali, ma anche ai bambini nel periodo dello svezzamento. Può essere quindi come base per le pappe dei bambini o come ingrediente pregiato di minestroni di verdura per convalescenti ed anziani.

Purtroppo in Italia non è ancora molto diffuso, ed è di difficile reperibilità, se non nei negozi di alimentazione biologica o specializzati in sementi.
L’amaranto si cuoce, dopo il lavaggio e la tostatura in pentola asciutta o un filo di olio, in due parti di acqua bollente con un cucchiaino di sale. Una volta bollito risulta una massa gelatinosa dal sapore leggermente dolciastro, quindi è preferibile cucinarlo in abbinamento a cereali (orzo, riso, miglio) oppure con verdure, con un conseguente miglioramento del sapore e del valore nutritivo. Per la cottura sono necessari 20 minuti in una pentola a pressione e 45 minuti in una pentola normale. Alla fine bisogna lasciarlo riposare per 5 minuti a pentola coperta, per permettere ai chicchi di finire di gonfiarsi.

Finora l’ho sempre mangiato così, come se fosse una polenta. Qualcuno di voi ha qualche altra buona ricetta da suggerirmi?

Mascherine in pronta consegna

4 commenti su “L’amaranto: un colore e un chicco”
  1. […] abbiamo ancora raccolto molte ricette a base di amaranto, ma vogliamo recuperare il tempo perduto perché ne vale assolutamente la pena. Questo […]

  2. […] dei cereali, sono semi utilizzati dalla notte dei tempi e a latitudini diverse la quinoa, l’amaranto e il […]

  3. […] Pane e pasta integrale * Avena * Miglio * Amaranto * […]

  4. […] a base di cereali che non contengono glutine, come riso, mais, grano saraceno, miglio, quinoa, amaranto e […]


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2020, P.IVA 01264890052
SoloFornelli.it – Ricette di cucina facili e veloci supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009