Ricetta: La cecìna toscana

Di , scritto il 29 Gennaio 2008

cecinaQuando inizio un discorso mi piace finirlo. Quindi, come promesso nel post sui ceci, e dopo la ricetta della farinata ligure, ecco qui quella della cecìna toscana, molto simili tra loro in realtà. Solo che qui l’olio è già incorporato nel composto, quindi presumo che il numero di calorie aumenti.
Bisogna procedere così: Versare in una larga ciotola 1 litro e 1/2 di acqua fredda. Aiutandosi con una frusta stemperare nell’acqua gradualmente 300 grammi di farina di ceci mescolando in continuazione per evitare la formazione di grumi. Aggiungere 1/2 bicchiere di olio d’oliva e 1 cucchiaino di sale, mescolare per ottenere un composto omogeneo e lasciate riposare mezz’ora. Ungere con olio una teglia larga e bassa, versarvi il composto e mettere in forno a 220° fino a quando si sarà formata una bella crosticina sulla superficie.


2 commenti su “Ricetta: La cecìna toscana”
  1. […] ma con altri nomi e in diverse varianti si può trovare anche in altre regioni, ad esempio come cecìna in Toscana, belecauda in Piemonte e fainè in […]

  2. ELENA ha detto:

    La ribollita non nasce come ricetta a se stante, ma come ulteriore utilizzo della minestra di pane avanzata. Perciò si chiama ribollita ovvero bollita due volte.
    Avanzata che sia la minestra di pane il giorno successivo si metteva l’avanzo nel pentolone si aggiungeva la broda di fagioli e quindi si laciava bollire per una decina di minuti fin tanto che il pane si fosse disperso con le verdure. quindi si lasciava riposare e quando si scodellava si condiva con un filo di olio “bono”


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2020, P.IVA 01264890052
SoloFornelli.it – Ricette di cucina facili e veloci supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009